Su «Riot Van.»

21 maggio 2014
«Una industria per la produzione di racconti
autobiografici:
breve retrospettiva in vista
del 99esimo compleanno di Saul Bellow
Bellow.
1. Per quanto possibile: contestualizza.

«Mica facile. Direi fosse l’ottantanove o qualcosa del genere poiché avrò avuto dieci-undici anni e consequenzialmente l’attenzione virava su argomenti che esulavano dalla produzione letteraria di quell’anziano signore spaparanzato davanti a me. Non sono riuscito a trattenere una singola immagine caratterizzante, così fondo nel cervello l’insieme di foto o filmati analizzati negli scorsi lustri alla ricerca di qualche scintilla. In numerosi scatti ridacchia, restituendo fiero una dentatura precaria incapace tuttavia di nuocere al sorriso. Anzi, quei punticini giallastri sotto le labbra tese sapevano donare al complesso un’innata grazia e ne potevi ricavare la certezza di quanto, casomai qualcuno avesse aggiunto nottetempo a Saul Bellow elementi standard di bellezza [naso puntuto, chioma fluente], l’insieme ci avrebbe perso di brutto. Ovvio io non stessi messo meglio: nei fatti il nostro meeting ebbe luogo durante rispettivi periodi critici.» Continua su Riot Van.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: